La verità vi spiego sull’amore

La verità vi spiego sull’amore ma, in verità, non ve la spiego io.

Ve la “spiega” Enrica Tesio, blogger e autrice che ho avuto il piacere di conoscere di persona e che mi ha autografato il suo libro con un: “A Martina, scrivi, scrivi, scrivi! Che io ti leggo, leggo, leggo!”

E così eccomi qui a scrivere, cara Enrica, proprio di te. Ti ho scoperta per caso, grazie al suggerimento di un’amica che, sapendo che cercavo ispirazione (e coraggio) per aprire il mio blog, mi ha consigliato di dare un’occhiata al tuo. 

 

Enrica Tesio blog

 

Ti Asmo. L’amore prima o poi arriva e t’incula.

 

Sì, il titolo del blog è proprio questo: “Ti asmo. L’amore prima o poi arriva e t’incula.”

Sti cazzi. Ho pensato. La mia amica mi avrà consigliato uno dei soliti blog femminili sull’amore, tutti uguali e deprimenti, così avrei pensato: “beh dai non è poi così infattibile, ci vuol poco a fare di meglio.”

E invece…

E invece mi hai catturata fin dal primo post, seppure io non sia una madre (e nemmeno una mamma, come dici tu) e seppure io non sia stata lasciata dal padre dei miei figli. Ma si sa, in fondo tutti abbiamo perso qualcuno, no?

La tua scrittura autoironica e irriverente mi ha subito conquistata, come quando confesso a qualcuno che sono un tipo da colazione salata, ma che non resisto alla tentazione di un croissant al cioccolato bianco. A volte (molto raramente) succede che la persona che ho davanti, al posto di guardarmi come una pazza bipolare, mi sorrida e mi dica: “non posso crederci, anche io!”.

Ecco, a quel punto non posso che volerle bene come se la conoscessi da sempre. Anche se, in realtà, è una sconosciuta al bancone del bar o, in questo caso, una sconosciuta (per me) autrice torinese, con due figli e un mutuo da estinguere.

Ma ora voglio presentarti anche a chi, appunto, non ti conosce.

Enrica Tesio: da blogger a scrittrice

 

Enrica Tesio  ha aperto il suo blog, Ti Asmo, nel 2013, e ha iniziato a riversarci tutto il suo humor e la sua quotidianità, presentandosi così:

Ho 35 anni, ho due figli, un bimbo di 3 anni e una bimba di 10 mesi, ho due gatti, ho un mutuo, ho un lavoro. C’è anche un padre, una brava persona per carità, che però qualche mese fa mi ha lasciato. E da allora scrivo. Certa che l’amore, come dice Lennon, sia la risposta… ma a una domanda irrimediabilmente sbagliata.

Laureata in Lettere con indirizzo cinematografico, fa la copywriter da quando aveva vent’anni.

Nel 2015 ha scritto per Mondadori “La verità, vi spiego, sull’amore”, diventato poi un film di Max Croci con Ambra Angiolini, Carolina Crescentini e Giuliana De Sio.

Nel 2017 ha pubblicato il secondo libro: “Dodici ricordi e un segreto”, edito da Bompiani. Ed è proprio in occasione del tour per promuoverlo che ci siamo conosciute di persona. 

In poco tempo il suo blog è diventato uno dei più seguiti d’Italia. Mica male per una che ha aperto un blog sull’amore che ti incula eh?

“Quando ho pensato a quel titolo devo dire che non credevo sarebbe poi stato così letto il blog” – confessa, e aggiunge: “mio padre ancora me lo rimprovera!”

Chi impara a conoscere la scrittura di Enrica Tesio, però, sa che non poteva che chiamarsi così, il suo blog.

Cara Enrica, se ti può consolare io ho scelto un nome più pacato, per così dire, e quando sono andata a cercare il mio blog su Google, tutta allegra e piena di belle speranze, mi sono ritrovata davanti tremila risultati sulle sanzioni di chi viaggia senza biglietto.

Maledetta Trenitalia, vuoi la guerra? Mi sono detta. Dopo mesi che penso al nome del mio blog, col cazzo che adesso lo cambio.

Per ora gli ho fatto le scarpe, ma è sempre lì in agguato, nelle prime posizioni di Google. Pronta a sorpassarmi, la stronza.

Ma torniamo a noi…

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da ℳ𝒶𝓇𝓉𝒾𝓃𝒶 ℳℴ𝓃𝓉𝒾 (@_martimonti_) in data:

La verità sull’amore ce la spieghi davvero, Enrica?

 

“Il titolo è solo marketing” – dice lei – “continuo a farmi le domande sbagliate”.

Una cosa è certa: se siete giù di morale o avete avuto una giornata di merda, vi basterà aprire questo libro per ritrovare il sorriso.

La protagonista Dora (o Enrica?) ci apre la porta del suo appartamento torinese con leggerezza e comicità, ma senza essere mai banale, presentandoci i suoi due bambini, il suo tato Simone, la sua migliore-amica-senza-figli Sara e un vicino di casa parecchio sexy.

Mentre leggevo “La verità vi spiego sull’amore”, Daniele mi guardava preoccupato: passavo dal ridere al commuovermi in una frazione di secondo.

Enrica sa raccontarsi senza prendersi troppo sul serio e, allo stesso tempo, con la sua esilarante sincerità (o con quella delle sagge e ingenue parole di Pietro e Micol), ci porta a riflettere su sentimenti e piccole verità.

E se per essere madri dobbiamo, prima di tutto, ricordarci cosa significa essere figlie e bambine insieme, direi che questo libro ci aiuta a rinfrescare bene la memoria. 

Usare le ciliegie come orecchini. Mettere un fagiolo nel cotone, bagnarlo e aspettare che germini. Mangiare delle more direttamente dal cespuglio. Fare una collana di margherite infilzandole con il gambo.

A me non resta che ringraziarti, cara Enrica, perché alla fine la mia amica aveva ragione: il tuo blog, il tuo libro e la tua persona sono stati davvero la spinta che mi serviva per lanciarmi e trovare il coraggio di mettermi in gioco, sfidando anche quella stronza di Trenitalia.

Consiglio il tuo libro non solo a tutte le mamme spaventate che vogliono sentirsi meno sole e incomprese, ma a chiunque stia cercando una motivazione per non mollare, magari ridendoci su.

Perché se la felicità è soltanto una grande e rumorosa scoreggia, allora tanto vale non prenderla troppo sul serio, no?

Arriva anche Zora, in preda a un attacco di fusa a trattore. Pietro ride.

<<Mamma, Zola scoleggia.>>

<<Ma no, amore, fa le fusa.>>

<<E pelché?>>

<<Perché è felice.>>

[…]

Sembra convinto. Dopo cinque minuti di cartone Pietro fa una grande grandissima scoreggia.

<<Mamma… mi sa che sono felice.>>

E credo di esserlo anch’io, fusa a parte.

Enrica Tesio

 

0 commenti

Lascia un Commento

Condividi su